my books

2011
SIMONE MICHELI from the future to the past
working progress

2009
simone micheli AHNEWS 2009 projects on a human scale

2007
simone micheli AHNEWS 2007
Edizioni L’Archivolto

2006
SIMONE MICHELI ARCHITECTURAL HERO book
Edizioni L’Archivolto

2003
SIMONE MICHELI ARCHITECTURAL HERO
Editrice Compositori Bologna

2002
TEMPORARY ARCHITECTURE
Alinea Editrice – Florence

2001
ARCHITETTURA SENSORIALE
Alinea Editrice – Florence

1999
STUDIO D’ARCHITETTURA SIMONE MICHELI OPERE 1990 – 1999
DDE – Milan

1996
PROGETTARE NEGOZI “CINEMA RESTAURANT SHOP”
Alinea Editrice – Florence

1995
PROGETTARE ALBERGHI “LA GRAND HALL”
Alinea Editrice – Florence

1994
PROGETTARE NEGOZI “TEA HOUSE” SHOP
Alinea Editrice – Florence

1992
I NEGOZI VITA, MORTE E MIRACOLI
Angelo Pontercoboli Editore – Florence

Articoli Recenti

Omaggio ad Eire 2014

Simone Micheli for Architecture | Spazio d'incontro EIRE 2014

Simone Micheli for Architecture | Spazio d’incontro EIRE 2014

Tourism Lounge by Simone Micheli | EIRE 2014

Tourism Lounge by Simone Micheli | EIRE 2014

Fieramilanocity – pad 4 | 24 – 26 Giugno 2014

Anche quest’anno la mia presenza ad Eire e’ stata intensa, densa di momenti di scambio, di confronto, di sintesi, di proposizione.
La conferenza alla quale ho partecipato come relatore “Il New Deal del Turismo italiano” – organizzata da Colliers International Italia in collaborazione con Associazione Italiana Confindustria Alberghi, Federturismo Confindustria ed Eire – ha rappresentato una interessante nodalità all’interno della quale pubblico e privato hanno instaurato un osmotico dialogo. Lo spazio “Tourism Lounge” che ho firmato dal punto di vista allestitivo per Ge.Fi, sotto la regia di Antonio Intiglietta e di Emilio Valdameri -
all’ interno del quale hanno esposto importanti compagnie alberghiere e prestigiosi operatori e che ha visto la presenza di aziende partner che hanno contribuito alla realizzazione dell’opera: Aresline, Braid, Gervasoni, GLIP “The Lighting Partner”, Myyour, Pointex, Segis, Sign System, 3D Group – è caratterizzato da un aspetto visivo coinvolgente ed ha riscosso un grande successo.
L’installazione – spazio di incontri “Simone Micheli for architecture”, realizzata con la preziosa collaborazione d’importanti aziende di caratura internazionale (Aercoib, Bauwerk parquet, Buzzi & Buzzi, Grohe, Infinity Motion, Okey porte blindate, Rainoldi Legnami, Seingim Global Service, Serramenti Albertini, Spazio 08, Tensioart, 3D Group, Adrenalina, Axia contract division, Domoarigato, Myyour, Oikos colore e materia per l’architettura, Sign System) e connotata come un macro open space denso di contenuti progettuali, ha assunto un ruolo di vero e proprio catalizzatore d’interessi.
Ho visto in Eire 2014, nonostante le aberranti negatività d’animo di alcuni, una rassegna capace di non farsi travolgere dalla centrifuga della “crisi”, una rassegna che cerca, attraverso la propria carica propositiva e di aggregazione, di sviluppare possibili volani imprenditoriali, possibili fondamentali scambi e confronti. Nella nostra bolla temporale all’interno della quale in poco più di un lustro tutti gli equilibri conosciuti sono mutati è fondamentale mantenere saldi i nervi, aprire la mente verso nuovi orizzonti, mettersi in discussione in termini di processo e di sistema, non piangere ma correre pensando di conquistare il nuovo domani attraverso rinnovati e vigorosi obiettivi, mediante nuove visioni sconnesse da consolidate realtà. In seno ad Eire 2014, rassegna estremamente interessante per la trasversalità della sua impostazione contenutistica, ho incrociato pensieri di operatori (espositori e visitatori) in linea con queste riflessioni, carichi di entusiasmo e capaci di esprimere forte propositività, altri sospesi nell’amniotico limbo della tragedia.
Chi vive il proprio fare con forte positivita’ e’ destinato a vincere, chi si lascia andare nell’oblio del ricordo e non cerca di superare le barriere del reale conosciuto è un morto che cammina. Eire ha rappresentato anche quest’anno un reale luogo permeabile ed aperto capace di favorire importanti osmosi di campo per chi è capace di guardare “out of the box”.
Alla prosima edizione.

_________________________________________________________________________

Tribute to Eire 2014
Fieramilanocity – pav 4 | June 24 – 26, 2014

This year my participation to EIRE 2014 has been full of intense moments of exchange, meetings, comparisions, new ideas.
I was one of the speaker at the “Il New Deal del Turismo italiano” conference organized by Colliers International Italia in collaboration with Associazione Italiana Confindustria Alberghi, Federturismo Confindustria and Eire.
The conference had a central role in the dialogue between public and private world.
I set up the space “Tourism Longe” for Ge.Fi under the direction of Antonio Intiglietta and of Emilio Valdameri. In it very important hospitality companies and prestigious operators exhibited their products.
Selected partner companies (Aresline, Braid, Gervasoni, GLIP “The Lighting Partner”, Myyour, Pointex, Segis, Sign System, 3D Group) contributed to the realization of the installation that was characterized by fascinating visions and great success.
The Installation – place of meeting “ Simone Micheli for architecture” realized with the collaboration of important international companies (Aercoib, Bauwerk parquet, Buzzi & Buzzi, Grohe, Infinity Motion, Okey porte blindate, Rainoldi Legnami, Seingim Global Service, Serramenti Albertini, Spazio 08, Tensioart, 3D Group, Adrenalina, Axia contract division, Domoarigato, Myyour, Oikos colore e materia per l’architettura, Sign System) looked like a big open space full of design content that catalized the interests and the attention.
Even this year, although there was someone with negative spirit, I consider EIRE as a fair able to excape from the centrifuge of the crysis, able to develop new possible ways of innovation, exchange, of business.
In the last 15 years all the known equilibriums changed so that now it is fundamental to keep our minds open to new new horizons, not stopping but running to conquer the new tomorrow through vigorous aims and exciting visions far away from the conventional reality.
In EIRE 2014 – an extremely interesting event for the trasversality of its content – I met a lot thoughts of operators: some of them were full of energy and vitality, others were dark and suspended in a tragic limbo.
Who is living his activity with strong positive energy will win all the challenges, who gets lost in the oblivion of memories and doesn’t try to overstep the limits of the reality is a walking dead.
Eire has been a real open and porous place able to create important osmosys among who wants to watch “ out of the box”.
See you at the next edition.

  1. “Future Master” International Hotel Design Competition and Workshop Rispondi
  2. Going back to China! Rispondi
  3. Convegno Internazionale sul Turismo tra Italia e Russia “Il turismo Italo-Russo” Rispondi
  4. “Viareggio Design Net” – 31 Maggio 2014 Rispondi
  5. La mia filosofia del progetto – Alcune Riflessioni Rispondi
  6. “La fisionomia dell’hotel nell’era della globalizzazione” Rispondi
  7. “Il valore di un’idea sta nel metterla in pratica” –  T. Edison Rispondi
  8. Rispondi
  9. Unique Villas “intelligenza, qualita’ sostenibilita per l’architettura di oggi” Rispondi