Miti d’oggi: Parigi, Barthes e il Dio che è nei dettagli

Nell’ormai lontano 1957, a Parigi, venne pubblicato un volumetto rivoluzionario intitolato Mythologies, che in Italia venne poi tradotto con l’evocativo “Miti d’oggi”. Il libro in questione non è nient’altro che una raccolta di ritratti della società francese dell’epoca, delineata a partire dall’analisi di oggetti semplici e appartenenti alla sfera del quotidiano. Gli articoli, raccolti in questo saggio dall’autore – il geniale sociologo Roland Barthes – spaziano dalla riflessione sulla bistecca al sangue e le eterne patate fritte a quella sugli striptease del Moulin Rouge. Dal tour de France, alle rubriche astrologiche nelle riviste femminili. Dal design della Citröen DS al viso algido di Greta Garbo nella “Regina Cristina”. Quello che, in ognuno di questi casi, salta agli occhi è che Barthes, oltre ad essere uno straordinario e lungimirante osservatore della società in cui si trova a vivere, è un uomo fermamente convinto del fatto che “dio risieda nel particolare”, che il mito si fondi sui dettagli. Su minuzie estetico-culturali che, lontane dall’essere orpelli inutili, sanno essere, nella loro dimensione “micro”, significanti di e significati per un mondo “macro”.
Oggi a 55 anni dalla pubblicazione di questo straordinario volume, mi trovo in partenza proprio per quella Parigi che ispirò questa serie di riflessioni all’esimio sociologo francese. È qui infatti che presenterò la Nuova Wallcovering Collection da me disegnata per la ditta belga Omexco. Una collezione di carte da parati che è stata concepita sulla base della stessa, ferma convinzione di Barthes: dio e il mito risiedono nei dettagli, anzi, ancora meglio, in dettagli capaci di animare di straordinarietà e meraviglia il nostro quotidiano.
Nel descrivere la nuova simone micheli wallcovering collection ho fatto riferimento a un prodotto che, proprio per questa sua fede estrema nella ricchezza del particolare segnico, si rivela decisamente in controtendenza e tanto da rappresentare una svolta importante per l’azienda belga.
Ci troviamo, infatti, di fronte, non solo alla concretizzazione di un credo filosofico, ma anche al frutto di una di quelle eccezionali intese empatiche fra creatore e committente che sanno trasmetterci lo straordinario senso di un’opera costruita a partire da preziose reti e interazioni fra individuo-individuo e individuo-società. È, infatti, proprio quando, tra progetto e realizzazione, sboccia un simile tipo di alchimia, sinergica e dialettica insieme, che si possono raggiungere obiettivi fuori dal comune. Obiettivi in grado di riscrivere vere “mitologie”, per fare, ancora una volta, riferimento a Barthes.
La collezione che ho creato per Omexco veste le pareti come un abito perfetto. Le geometrie variabili, sobriamente eclettiche, sono concepite per svelarci l’anima della casa e rivelarsi decori che hanno un carattere da protagonisti; severe, ieratiche e essenziali si trasformano, sacerdotesse del nostro gusto estetico, in affascinanti icone archiche, in “miti d’oggi” intimamente protesi al domani.
Un progetto del genere infatti vive e si costruisce della volontà forte di realizzare armonie senza tempo, di trovare un modo per trascrivere, sulle nostre pareti, frammenti di contemporaneità unici e identitari; dimensioni spazio temporali dinamiche, fluide, mutanti, imprevedibili pensate per far sentire a casa l’uomo metropolitano che ognuno di noi incarna.
Non mi resta allora che augurarvi:

Buon week end e buon domani.

Simone Micheli

One Comment Add yours

  1. icittadiniprimaditutto scrive:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...